sabato 30 giugno 2012

Di tutto un po'...

Consigli vari...

Lunga vita a frutta e verdura

Lo sapevate che la verdura si conserva decisamente meglio in frigo se avvolta in uno strato di carta. Io utilizzo lo scottex carta e al momento le verdure a cui sono riuscita a prolungare la "durata" in frigo sono solo insalate, verze, melanzane e zucchine. Una volta acquistate, le avvolgo ben ben nella carta e le ripongo nei vari reparti del frigo. Questo procedimento rallenta la formazione della muffa perchè la carta assorbente cattura l'acqua in eccesso dalla verdura rallentandone la formazione di muffe. In commercio, esiste un prodotto chiamato fresh paper che svolge proprio questa funzione. Si tratta di una soluzione completamente naturale che permette alla frutta e alla verdura di mantenersi integre per almeno 4 volte in più rispetto al normale processo di degradazione. Gli strati di carta sono realizzati da ingredienti completamente naturali e commestibili. Ha un profumo che ricorda lo sciroppo d'acero. E la sua caratteristica è quella di evitare la proliferazione di funghi e batteri. Io non l'ho mai provata, perchè al momento acquisto la carta tipo scotttex (ecologica) e mi trovo davvero benissimo!

Qualche consiglio per risparmiare l'acqua per innaffiare

Se abbiamo quella sana abitudine di chiudere il rubinetto mentre ci laviamo i denti, oppure mentre ci insaponiamo durante la doccia... perchè riteniamo che l'acqua sia un bene prezioso che non va assolutamente sprecato... questo consiglio farà al caso vostro.
Intanto munitevi di raccoglitori (soprattutto per l'acqua piovana) e di almeno 3 innaffiatoi da 10 litri. Recuperate tutta l'acqua che utilizzate in casa per lavare frutta e verdura, per cuocere le verdure e per la pasta, ... insomma tutta l'acqua non saponata che usate normalmente mettendola direttamente negli innaffiatoi. Per rendere il Ph più acido, basta aggiungere a questa acqua riciclata 1/2 cucchiaino di aceto per ogni litro di acqua recuperata.
Poi, sarebbe meglio innaffiare la mattina presto e non la sera. La sera le piante non riescono ad assorbire l'acqua necessaria che ristagna dando origine alle zanzare, ai funghi, ai batteri...

Riutilizzare i fondi di caffé

I residui del caffé possono essere riutilizzati in una miriade di modi diversi.
Intanto, vi spiego come mi sono organizzata io. Ciascuno di noi, poi, potrà trovare il suo metodo.
Mi sono procurata un vassoio dei dolci (riciclato ovviamente, non l'ho comprato!!) ed ogni volta che faccio il caffè, la posa la metto in questo vassoietto (per farla asciugare da eventuali umidità). Una volta asciutta la ripongo in un contenitore metallico. Come potete utilizzarla?
Innanzitutto come concime per le piante. Lo uso una volta al mese. Poi, quando ho necessità di sgrassare delle pentole e padelle, prendo un po di bratta (la posa del caffé) la unisco al detersivo dei piatti ed in un baleno le pentole sono grassate e deodorate. Si perchè la bratta ha anche la capacità di assorbire gli odori, per cui la si può mettere benissimo nei posacenere per eliminare quel fastioso odore della cenere stagnante.... Oppure per eliminare la puzza di aglio e cipolla dalle mani: basta sfregare le mani con un un po' di bratta ed il gioco è fatto.

Ma ci sono mille altri consigli... per migliorare la qualità della vita e del nostro pianeta... Che ne dite di aggiungere anche i vostri?

Alla prossima.

Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari.