venerdì 4 gennaio 2013

Orto sul balcone: Progettazione e Semine di Gennaio

Orto sul Balcone
Progettazione e Semine di Gennaio
 
Per iniziare:
In questo post vi spiegherò come poter iniziare a coltivare sul vostro balcone e/o terrazzo rifacendomi ed ampliando le conoscenze e l’esperienza maturata rispetto al post che ho scritto l’anno scorso (Riferimento post: Progettiamo l'Orto).
Sicuramente una delle prime cose che ho imparato è di non investire somme di denaro nell’acquisto di vasi speciali, o attrezzatura da giardinaggio (hobbistica) che poi in realtà non ci servirà. Anzi, tantissime cose che nei negozi di giardinaggio vendono come accessori indispensabili ed introvabili, in realtà li abbiamo già in casa.
 
Quindi, credo sia fondamentale ricordarvi di USARE QUEL CHE AVETE. Anche per rimanere nel tema del riciclo e del riutilizzo di materiali che difficilmente potrebbero essere smaltiti.
Sicuramente avete già a disposizione dei vasi (in cui c’erano fiori o piante ormai secche) che sono stati dimenticati in un angolo del balcone… Usate quelli! Oppure bidoni in latta (tipo quelli che contengono i dolci, oppure il panettone), in plastica (tipo quelli per la pittura) o in polistirolo (come quelli in qui troviamo le verdure al supermercato): usate anche quelli!! Infine, ricordate sempre che le aromatiche come il prezzemolo, il timo, e altre, non hanno bisogno di vasi di dimensioni eccezionali per crescere. Anzi! Una piantina di prezzemolo cresce benissimo in un vaso di 10 cm di diametro! (vedi post Progettiamo l'orto).
 
Abbiamo detto nei post precedenti che è importante creare un fondo drenante in modo che l’acqua possa defluire ed evitare il marciume radicale. Ricordo che si parlava di acquistare argilla espansa in modo da creare questo fondo. Bene, durante quest’anno ho imparato che questo fondo drenante può essere benissimo realizzato con del brecciolino, oppure dei sassolini raccolti in campagna, dei ciottoli di fiume o di mare, ma anche pezzi di coccio di vasi, piatti e tazzine rotti…
 
Ovviamente, soprattutto se siete agli inizi, è assolutamente inutile pensare ad un impianto di irrigazione o di adottare e acquistare sistemi per la realizzazione di orti verticali Un bell’annaffiatoio anche se vecchio, andrà bene! Non dovrà contenere profumo di colonia ma semplice acqua… ed anche se avete un balconcino piccolissimo, iniziate con pochi vasi e poche piante in base allo spazio che avete a disposizione ed al tempo che potete dedicarci…
 
L’idea di creare il semenzaio è bellissima. Veder spuntare dal nulla la piantina che poi trapianteremo nel vaso e che, con le nostre cure, crescerà e produrrà frutti è qualcosa che non ha prezzo! Ma se non riusciamo a realizzarlo, oppure non abbiamo il tempo necessario per farlo (e gestirlo!), rivolgetevi ad un vivaio ed acquistate le piantine già spuntate per pochi centesimi… Poi le mettete a dimora nei vasi.
 
Avrete senza dubbio bisogno della terra. Se abitate in periferia e avete la campagna vicina (sempre che non sia terreno privato, accertatevi di questo prima di munirvi di sacco e pala!), potete benissimo raccoglierla da voi senza acquistare quella nei sacchetti. Se non avete la possibilità di raccoglierla da voi allora acquistate quella nei sacchetti. Ricordatevi, però, che per un orto non serve l’acquisto di un terrenospeciale. Andrà benissimo quello generico. In altri post vedremo come arricchirlo con le sostanze di cui necessita la pianta.
 
Ricordate soprattutto, che non è possibile coprire il fabbisogno della vostra famiglia con il vostro “Orto sul balcone”… A meno che non abbiate un terrazzo di svariati metri quadri e mangiate verdura ogni due/tre mesi!! Però, quando raccoglierete la vostra prima insalata, o la vostra prima zucchina… e la mangerete, non riuscerete più ad accontentarvi del “non sapore” delle cose che avete mangiato fino ad oggi…
 
Progettazione dell’Orto
 
Esposizione: Il primo fattore da valutare, è l’esposizione del balcone. L’ideale sarebbe un balcone con esposizione est, sud-est, ovest e sud-ovest perché in questo modo tutti gli ortaggi ricevono la giusta quantità di luce giornaliera. I balconi esposti a sud, sono molto assolati, vanno bene per il nostro orto, ma sarebbe meglio proteggere le ringhiere con delle pagliarelle per proteggere le piantine nelle ore di caldo intenso. Se invece l’unico balcone che abbiamo ha una esposizione a nord c’è poco da fare per il nostro orto! La luce che riceve non è sufficiente a garantire la vita e la maturazione delle piante. Tuttavia possiamo provare a coltivare quelle varietà che amano le zone ombrose come gli spinaci, lattughe, carote, ravanelli e le erbe aromatiche…
 Spazio disponibile: Verificate lo spazio che potete dedicare al vostro orto… se non è molto grande, preferite le varietà di ortaggi rampicanti piuttosto che quelle a cespuglio (fagiolini rampicanti, pomodori rampicanti, zucchine, fragole, etc). Oppure scegliere soluzioni di vasi da appendere, portavasi che si sviluppano in altezza, oppure accostare diversi ortaggi nello stesso vaso (attenzione agli accostamenti e alle dimensioni dei vasi).
 
Disposizione dei vasi: Per la disposizione dei vasi, vi consiglio di visitare il sito Hobbyorto: Progetti di piccoli Orti. E' fatto molto bene e spiega benissimo come disporre i vasi in base agli orientamenti fornendo informazioni utili anche sulla dimensione dei vasi...

Ed ora che abbiamo fatto il nostro progetto, abbiamo recuperato i vasi, la terra e tutto l'occorrente, vediamo cosa dobbiamo seminare a Gennaio...

In gennaio una delle cose che si può piantare con una certa facilità è l'aglio avendo l'accortezza di piantare gli spicchi con la punta verso l'alto e a circa qualche centimetro sotto terra (circa 3 cm) in file parallele distanti 25-40 cm tra loro e ad una distanza di 10-15 cm uno dall'altro. Scegliete il vostro aglio (possibilmente biologico perchè se è trattato con sostanze chimiche, potrebbe non germinare mai). Dividete i bulbilli e scegliete i più grossi. Quando la pianta sarà bella e cresciuta evitate la formazione del fiore che richiederebbe un grande dispendio alla pianta a sfavore dell'aglio stesso. Quindi, tagliate gl steli floreali appena cresciuti. Naturalmente non è una operazione obbligatoria. L'aglio cresce comunque! Lo si raccoglie quando lo stelo è completamente secco. Se lo piantiamo in Gennaio, potremo raccogliere il nostro aglio già in primavera... La coltivazione dell'aglio è alla portata di tutti e quindi va benissimo per chi si vuole cimentare a creare il proprio "Orto sul Balcone"...

Sul blog Coltivare l'Orto, troverete tutte le informazioni relative al periodo di Gennaio con una tabella fatta benissimo che indica persino le zone dell'Italia dove è possibile una coltivazione piuttosto che un'altra. Ed è sicuramente un ottimo strumento per chi già ha una certa pratica e può disporre (o crearesi in casa) piccole serre al coperto e riscaldate...

Nei prossimi post oltre che ad imparare a fare da noi i fertilizzanti, vedremo anche come farci a casa i “pesticidi”. Vi sconsiglio davvero di acquistare un pesticida chimico, meglio perdere la pianta che riempirla di sostanze chimiche!

E per concludere un video molto simpatico che sintetizza tutto quello che abbiamo detto in questo post ed in più aggiunge qualche informazione sulla luna crescente e luna calante:


Alla prossima.

Fonti:
HobbyOrto
Il mio Orto sul balcone


Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari