martedì 19 giugno 2012

La raccolta differenziata fa la differenza!


Facciamo la ... DIFFERENZA!
Raccolta differenziata dei Rifiuti



Oggi vorrei dare un risalto particolare alla raccolta differenziata.

Già vi sento… “Non la fa nessuno! Che senso ha che la faccio io?”, “Troppo tardi: dovevano pensarci prima”, “Non so assolutamente nulla”…

Io credo fermamente che la raccolta differenziata sia qualcosa di utile per noi, per il pianeta e per lo stile di vita che vogliamo portare avanti.

Ma la raccolta differenziata non ha senso se in noi, per primi, non esiste una coscienza del bene comune. Se non sento la strada parte della mia casa allargata sul mondo non mi accorgerò nemmeno se qualcuno getta una carta per terra o lascia una bottiglia di vetro su un marciapiedi … o peggio ancora! Me la ritrovo nel mare!!! Se non sento in me una forte appartenenza a quello che mi circonda… Se non mi rendo conto che il sole sorge ogni giorno proprio per me! Che le stelle stanno in cielo tutte le sere per me! Che quella rosa sul balcone è sbocciata per me! … La panchina dove mi fermo per aspettare l’autobus è il salotto allargato della mia abitazione… La strada che percorro tutti i giorni per andare a lavorare … è il corrodoio allargato del mio appartamento

Se riusciamo ad avere in noi questa coscienza del bene comune mi spiegate perché mai dovrei stare a dividere carta, plastica, vetro, umido, indifferenziata, legno… perché mai dovrebbe interessarmi sostituire tutte le lampadine di casa tradizionali con quelle a risparmio energetico? Per quale motivo dovrei cercare prodotti alternativi e boicottare le aziende che diffondo veleni sul mio corpo e nel mondo in cui vivo?

Avere una coscienza ecologica è davvero difficile. Nessuno ci ha abituati… soprattutto, nessuno ci ha fatto ragionare su questi aspetti.

Partiamo da qualche informazione che potrebbe farci riflettere…

CARTA

Per produrre 1 tonnellata di carta da materia prima occorrono:

  15 alberi
  440.000 litri di ACQUA
  7.600 Kwh di energia elettrica

Per produrre 1 tonnellata di carta dalla mia raccolta differenziata occorrono:

  Nemmeno un albero!
  1.800 lt di ACQUA
  2.700 Kwh di energia elettrica

Vi pare poco?

VETRO

Per produrre il vetro occorrono:

  Silice
  Soda
  Carbonato di calcio
  Temperatura di fusione 1.500 °C

Per produrre le stesse quantità di vetro, utilizzando materiali riciclati, occorrono:

  La metà del fabbisogno di materia prima;
  Un terzo di energia poiché la temperatura per fonderlo è decisamente più bassa

E potrei continuare all’infinito… Passiamo a qualche numero sulla biodegradabilità delle cose che usiamo quotidianamente. Per biodegradabilità intendiamo, in termini altamente spiccioli,  la capacità della sostanza di dissolversi nell’ambiente.

Un fazzoletto di carta gettato per terra rimarrà là dai 3 ai 6 mesi prima di scomparire!
Un torsolo di mela ci impiegherà dai 15 giorni ai 3 mesi prima di decomporsi…
Un giornale continuerà a svolazzare sul marciapiede dai 4 ai 12 mesi!!!

E stiamo parlando di cose innocue, semplici… che vuoi che sia un torsolo di mela gettato a terra!!

Un mozzicone di sigaretta ricorderà per circa 2 anni che in quel punto è passato un fumatore!
Una lattina non scomparirà se non dopo 100 anni!
Una bottiglia in plastica resterà tale e quale fino a 1000 anni!

Mentre una bottiglia di vetro ci impiegherà circa 4000 anni prima che vento e agenti atmosferici levighino e frantumino, fino a farla scomparire del tutto…

 Allora, perché dovrei iniziare a fare la raccolta differenziata?

Intanto perché è un gran bel risparmio di energia! Gettare via qualcosa significa, gettare via anche l’energia e la materia prima necessaria per produrla. Differenziarla vuol dire dargli una nuova vita e non vanificare quello che si è utilizzato per produrla.

Visualizzarte il file pdf su come effettuare la raccolta differenziata:
http://www.rifiutologo.it/upload/file/Guidaallaraccoltadifferenziata.pdf

Inoltre, credo sia di importanza rilevante sapere le informazioni sotto riportate, prese dal sito: http://www.ambientemola.it/html/wp-content/doc/Volantini-istruzioni-RD.pdf

E’ IMPORTANTE SAPERE CHE

  Contestualmente all’acquisto di un elettrodomestico si deve consegnare al rivenditore quello fuori uso. Il rivenditore ha l’obbligo di ritirare GRATUITAMENTE l’elettrodomestico e gli imballaggi (cartone, plastica, legno, ecc.) usati per il loro trasporto.
  E’ vietato abbandonare gli ingombranti accanto ai cassonetti o, peggio ancora, lungo le strade periferiche. Per il ritiro GRATUITO degli ingombranti (che devono essere messi sul marciapiede della propria abitazione) chiamare il NUMERO VERDE 800 - 488988 della LOMBARDI ECOLOGIA attivo dal lunedi al venerdi dalle ore 9,00 alle 13,00. Il ritiro avverrà entro una settimana dalla richiesta. Si avverte che per l’abbandono di questi rifiuti sono previste pesanti sanzioni amministrative.
  Per tutti i lavori edili il proprietario dell’immobile è responsabile del corretto smaltimento dei rifiuti inerti prodotti. Per piccoli lavori edili, con una produzione complessiva di inerti non superiore a 2 metri cubi, lo smaltimento è GRATUITO. Prima del trasporto bisogna compilare apposito modello di autorizzazione che può essere ritirato presso il Comune - Ufficio di Polizia Urbana. Si avverte che per l’abbandono dei rifiuti inerti la legge prevede pesanti sanzioni amministrative.

 Inoltre, è necessario sapere che la Raccolta Differenziata è un obbligo di legge che ha lo scopo di:

1. Tutelare l’ambiente (riducendo la quantità di rifiuti da smaltire in discarica);
2. Recuperare risorse;
3. Ridurre o, almeno, non aumentare la Tassa sui Rifiuti Solidi Urbani (TARSU);

Il costo totale del Servizio di Nettezza Urbana (mezzi, personale, raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti) é pagato interamente dai cittadini attraverso la TARSU.

E’ evidente che più aumenta la raccolta differenziata più si riduce la quantità di rifiuti da smaltire in discarica e, di conseguenza, anche la TASSA che ognuno di Noi deve pagare.

Pertanto, fare una buona raccolta differenziata conviene a tutti.

Ora vi racconto come ci siamo organizzati io e mio marito.
Abbiamo acquistato 3 contenitori colorati (arancione, verde e giallo):

  Nell’Arancione abbiamo messo la CARTA;
  In quello Verde abbiamo messo la PLASTICA e l’ALLUMINIO
  In quello Giallo il VETRO.

Considerando che TUTTI abbiamo in casa il bidone della spazzatura (generalmente in cucina nel sottolavello) abbiamo destinato quel cestino all’Umido.

Poi abbiamo altri tre materiali altamente pericolosi:

  I FARMACI scaduti (che raccolgo in una sacco che ripongo nel mobile delle scope e che andiamo a consegnare in farmacia circa 2 volte l’anno).
  Gli OLI ESAUSTI (utilizzo la latta stessa dell’olio, oppure la sua bottiglia di plastica e quando pieni li portiamo al bidone per la raccolta degli oli esausti che raccolgono, in un bidone a parte, persino il contenitore che ha raccolto l’olio esausto. Ci andiamo circa 1 volta al mese).
  Le PILE esaurite. Le raccogliamo in un contenitore di alluminio (tipo le confezioni regalo che contengono i liquori) e le portiamo alla Isola verde circa 1 volta all’anno.

 Infine, tutto quello che è indifferenziato come materiale elettrico, componenti hardware, piccoli elettrodomestici… li portiamo di volta in volta sempre alla Isola Verde. Il legno generalmente lo riutilizzo per accendere il barbeque, oppure lo porto in campagna perché i miei genitori hanno un bellissimo caminetto…

Per completare il quadro ci sono gli indumenti usati da dividere a loro volta in indumenti usati non più utilizzabili ed indumenti usati che possono ancora essere indossati.

I primi li getto nella indifferenziata (sempre non li riutilizzo per altri scopi: stracci vari per pulire, etc…) I secondi ci sono degli appositi raccoglitori dove poterli inserire che andranno poi alle varie associazioni Caritas del paese oppure se avete la possibilità di donarli a qualcuno che conoscete fatelo tranquillamente…

E cosa ci metto dentro i contenitori della plastica, vetro, carta e alluminio?

Nel sacco della CARTA:

INSERISCO SOLTANTO Purchè non inquinati da rifiuti organici e sostanze pericolose:
  • Tetra Pak (cartoni per latte e per bevande)
  • Giornali, riviste, depliants, libri, quaderni, tabulati
  • Carta non unta, cartoni a pezzi.
  • Tutte le confezioni in cartoncino
  • Contenitori di prodotti alimentari come astucci per pasta, riso, dentifricio, biscotti, ecc.
  • Scatole delle scarpe
  • Tutte le confezioni grandi e piccole di prodotti come detersivi per lavatrici, lavastoviglie, ecc.
È VIETATO INSERIRE: Tutti i tipi di carta, cartone e cartoncini sporchi o misti ad altri materiali (esempio unti di pittura, vernice, olio, residui alimentari), piatti e bicchieri di carta. Carta plastificata e carta chimica.

Nel sacco della PLASTICA/ALLUMINIO:

INSERISCO SOLTANTO Purchè non inquinati da rifiuti organici e sostanze pericolose:
  • Bottiglie di acqua minerale e bibite ridotte di volume (svuotate, schiacciate, fatta uscire l'aria e ritappate).
  • Flaconi di sapone liquido, di prodotti per il lavaggio di biancheria, di stoviglie, di prodotti per la pulizia della casa e per l'igiene della persona.
  • Vaschette di plastica per alimenti non vetrificati.
  • Pellicole in plastica.
  • Lattine per bevande in alluminio e acciaio.
  • Capsule e tappi in metallo.
  • Bombolette spray per panna.
  • Barattoli per conservare alimenti (tonno, carne in scatola, pesce, legumi ecc.).
  • Vaschette per alimenti, tubetti e fogli in alluminio.
  • Piatti e bicchieri monouso purché privi di qualsiasi residuo solido o liquido (prima del conferimento vanno adeguatamente SVUOTATI E SCIACQUATI, fatte salve le normali tracce di quanto hanno contenuto, ciò al fine di non sporcare tutto il materiale raccolto e di non rendere più gravoso ed antigienico il successivo lavoro di selezione e di avvio a riciclo o recupero)
È VIETATO INSERIRE: Sacchetti per la spesa, articoli casalinghi, celophan, contenitori di plastica vetrificata tipo contenitori per salumi, contenitori di alluminio che hanno contenuto rifiuti pericolosi. Cassette vhs, musicassette e giocattoli.

Nel contenitore per il VETRO è autoesplicativo.

Aspetto quindi vostri commenti, oppure altre soluzioni da voi escogitate…

Alla prossima.

Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari.